.
Annunci online

bloggerperfecto
Il gallo senza le galline non può fare l’uomo
18 settembre 2006
De breve viaggio


Mancherò, ahimè, per qualche giorno, destinazione: funghi!

Già mi figuro i vostri volti sgomenti.

Lo so, “ senz’è me stu bblog nun và annanz!”

Che fa autoposta?
Autodigita i caratteri sulla tastiera,
autoapre word, auto salva,
autoaccede al cannocchiale,
autocarica le immagini….
e via discorrendo?

Si deve solo permettere!
E io poi, quando torno, che faccio?

Suvvia, siamo realisti.

E infatti proprio realisticamente vi lascio,

con una poesia del “nonno poeta”.

 

REALISMO

 

Non mi accendo mai

d’Immenso

veleggiando

negli spazi

al di là d’ogni pianeta

dove il mondo è Fantascienza.

 

Come amante

della vita

che ha sapore e consistenza

io mi nutro

di sospiri

e m’illumino così.

 

GiuseppeCangiano




permalink | inviato da il 18/9/2006 alle 14:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (22) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte


perfectam
@
libero
.
it





 

Nun me tuccate Napule

faciteme ‘o favore,

e nun cuntate stroppole

dicenno ca è folklore!

 

Nun tormentate Napule

cu ll’aria e chi disprezza

chi campa dint’è vicule

e ‘a vita l’apprezza!

 

Nun affliggite Napule

cantanno litanie:

morte, miseria ‘e popolo

e ciento malatie!

....

Saccio ca pure all’Estero

ce stà gente ‘int’e vasce;

perciò cagnate musica!

Jettate ‘sti grancasce!

 

C’è stato maie nu popolo,

Città, nu Continente

addò se campa facile

e nun succede niente?

 

Certo ca no! E scrivetelo!

Facite nu Cungresso!

Parlate! Cunfessatelo

ca ‘o munno è tutto ‘o stesso!

 

Progresso Tecnologico?

È certo, ce fa onore:

s’industrializza l’anema..

se meccanizza ‘o core…!

 

Però Napule… è Napule!

E ‘o Sole che è l’amante

l’asciutta tutte ‘e llacreme!

Perciò nun more…

                          …E Canta!

G.C.











Bippì on TuTubbi









 



Philip Mazzei, mica bruscolini!






 

Penziere mieje, levàteve sti panne,


stracciàtev' 'a cammisa, e ascite annuro.


Si nun tenite n'abito sicuro,


tanta vestite che n'avit' 'a fa?


 

Menàteve spugliate mmiez' 'a via,


e si facite folla, cammenate.


Si sentite strillà, nun ve fermate:


nu penziero spugliato 'a folla fa.


 

Currite ncopp' 'a cimma 'e na muntagna,


e quanno 'e piede se sò cunzumate:


un'ànema e curaggio, e ve menate...


nzerrano ll'uocchie, primm' 'e ve menà!

 

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.


Ce sta sempe nu tizio canusciuto,


ca nun 'o ddice... ca rimmane muto...


e ca ve veste, primm' 'e v'atterrà.

 

E. De Filippo

1948















VIDEO








selezione poetica curata da
pasqualedigennaro











Technorati Profile
 
 
Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati
Favorites

 


Blog-Show la vetrina italiana dei blog!