.
Annunci online

bloggerperfecto
Il gallo senza le galline non può fare l’uomo
sentimenti
21 dicembre 2007
A piedi nudi: perchè io valgo!

 

Non vorrei stare qui ad intrattenervi con discorsi un pò sciaqui.. podici diciamo, ma la realtà a volte supera la nostra volontà e la realtà è che io ho due alluci, uno per piede. L’alluce del piede sinistro cresce sano e forte, non mi da’ pensieri, persegue la retta via senza tanti grilli per la testa. Da una settimana a questa parte, invece, l’alluce del piede destro mi sta dando un po’ di preoccupazioni, nulla di serio, credo, spero…! Tutto ebbe inizio un dì di dicembre quando il suddetto cominciò a dolermi di un dolore flebile. Ad un certo punto il dolore da flebile che era si fece fitto.. fino a provocare quelle che in gergo chiamiamo: fitte notturne. In poche parole questa bestia di alluce sta inclinandosi verso la sua destra, andando ad invadere gli spazi dell’innocente secondo dito che pure si è stancato di tanta invadenza e provocando una sospetta sporgenza ossea… la stessa che nei piedi anziani cagiona quelle inestetiche pallucce nella parte interna delle scarpe. “Porca zozza” mi son detta “e qui bisogna intervenire con la falce o il martello.. ma prima di tutto: la parola all’esperto”. L’esperto, che  in quel momento si trovava in cucina intento a spezzuliare cose a caso prima di cena, dopo aver osservato per 5secondi5 l’allucione, tuona: “è valgo!” ! “Ma che caz**, ma porc* di quell*, ma ch sfaccim*…ecc..ecc..ecc..” Ripresi i sensi e tutta la lucidità che questi comportano, decido di prendere di petto la situazione: - Alluce, dritto sei venuto al mondo e dritto devi essere sotterreto ! - (citazione dottissima, il Nardi se passerà carpirà).

Ginnastica allucinante: piegare tutte le dita di tutto il piede su se stesse, indirizzare tutto l’alluce verso l’interno di tutto il piede sì da fargli ricordare la retta posizione da riprendere.  Dopo 3 giorni intensi e ginnici l’alluce persevera e io puro.

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte


perfectam
@
libero
.
it





 

Nun me tuccate Napule

faciteme ‘o favore,

e nun cuntate stroppole

dicenno ca è folklore!

 

Nun tormentate Napule

cu ll’aria e chi disprezza

chi campa dint’è vicule

e ‘a vita l’apprezza!

 

Nun affliggite Napule

cantanno litanie:

morte, miseria ‘e popolo

e ciento malatie!

....

Saccio ca pure all’Estero

ce stà gente ‘int’e vasce;

perciò cagnate musica!

Jettate ‘sti grancasce!

 

C’è stato maie nu popolo,

Città, nu Continente

addò se campa facile

e nun succede niente?

 

Certo ca no! E scrivetelo!

Facite nu Cungresso!

Parlate! Cunfessatelo

ca ‘o munno è tutto ‘o stesso!

 

Progresso Tecnologico?

È certo, ce fa onore:

s’industrializza l’anema..

se meccanizza ‘o core…!

 

Però Napule… è Napule!

E ‘o Sole che è l’amante

l’asciutta tutte ‘e llacreme!

Perciò nun more…

                          …E Canta!

G.C.











Bippì on TuTubbi









 



Philip Mazzei, mica bruscolini!






 

Penziere mieje, levàteve sti panne,


stracciàtev' 'a cammisa, e ascite annuro.


Si nun tenite n'abito sicuro,


tanta vestite che n'avit' 'a fa?


 

Menàteve spugliate mmiez' 'a via,


e si facite folla, cammenate.


Si sentite strillà, nun ve fermate:


nu penziero spugliato 'a folla fa.


 

Currite ncopp' 'a cimma 'e na muntagna,


e quanno 'e piede se sò cunzumate:


un'ànema e curaggio, e ve menate...


nzerrano ll'uocchie, primm' 'e ve menà!

 

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.


Ce sta sempe nu tizio canusciuto,


ca nun 'o ddice... ca rimmane muto...


e ca ve veste, primm' 'e v'atterrà.

 

E. De Filippo

1948















VIDEO








selezione poetica curata da
pasqualedigennaro











Technorati Profile
 
 
Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati
Favorites

 


Blog-Show la vetrina italiana dei blog!