.
Annunci online

bloggerperfecto
Il gallo senza le galline non può fare l’uomo
SOCIETA'
14 gennaio 2008
Perciò nun more… e Canta
Testo 

1. Ma questo è un’epilogo grande quanto una casa!!  

 

..perchè questo mondo non si è fermato con bp (strano ma vero)  anzi che si è imbizzarrito tanto che ancora corre. E io appresso a lui, corro, m’imbizzarrisco.

 

Sono stati giorni duri quelli passati, sono stati giorni passati afforza, soffocanti e pesanti - ma già nelle parole “sono stati”/“passati” si ode il suono del mare-. Quanto soffocante e pesante è stato seguire il tristo epilogo di quel che un tempo fu dtto “Napoli”.  Scrivo –e penso- epilogo, perché ho letto cose che voi umani avreste forse condiviso e appoggiato. E qui casca l’epilogo, nel consenso generale, nell’unanimità: “Unan1mous” come scrisse il poeta. “Napoli” che prende a schifare se stessa quanto e più un qualunque furastiero!? Ma questo è un’epilogo grande quanto una casa!! E sia. Let it be, let it be there will be an answer, let it be.

…stamattina però ho visto uno spazzino. Egli si aggirava timido per i marciapiedi sotto casa mia, e volteggiava di carta in carta… e non se n’è fatta scappare una! Mi sono commossa, avrei tanto voluto piangere, ma non ho potuto… . Ho visto quel sole rosso e grosso che ci abbiamo solo noi qui in quel che un giorno fu detto “Napoli”, ho pensato che si ce sta ‘o sole, si ce sta ‘o mare… e allora mi sono messa  a ballare, a ballare e a cantare “furniculì furniculà”, e me ne sono andata in giro così, cantando e ballando, ballando e cantando…

 


2.  Rapporto Confidenziale

 


3.
Riunione dei blogger laici al VI Congresso dell'Associazione Coscioni

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 649615 volte


perfectam
@
libero
.
it





 

Nun me tuccate Napule

faciteme ‘o favore,

e nun cuntate stroppole

dicenno ca è folklore!

 

Nun tormentate Napule

cu ll’aria e chi disprezza

chi campa dint’è vicule

e ‘a vita l’apprezza!

 

Nun affliggite Napule

cantanno litanie:

morte, miseria ‘e popolo

e ciento malatie!

....

Saccio ca pure all’Estero

ce stà gente ‘int’e vasce;

perciò cagnate musica!

Jettate ‘sti grancasce!

 

C’è stato maie nu popolo,

Città, nu Continente

addò se campa facile

e nun succede niente?

 

Certo ca no! E scrivetelo!

Facite nu Cungresso!

Parlate! Cunfessatelo

ca ‘o munno è tutto ‘o stesso!

 

Progresso Tecnologico?

È certo, ce fa onore:

s’industrializza l’anema..

se meccanizza ‘o core…!

 

Però Napule… è Napule!

E ‘o Sole che è l’amante

l’asciutta tutte ‘e llacreme!

Perciò nun more…

                          …E Canta!

G.C.











Bippì on TuTubbi









 



Philip Mazzei, mica bruscolini!






 

Penziere mieje, levàteve sti panne,


stracciàtev' 'a cammisa, e ascite annuro.


Si nun tenite n'abito sicuro,


tanta vestite che n'avit' 'a fa?


 

Menàteve spugliate mmiez' 'a via,


e si facite folla, cammenate.


Si sentite strillà, nun ve fermate:


nu penziero spugliato 'a folla fa.


 

Currite ncopp' 'a cimma 'e na muntagna,


e quanno 'e piede se sò cunzumate:


un'ànema e curaggio, e ve menate...


nzerrano ll'uocchie, primm' 'e ve menà!

 

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.


Ce sta sempe nu tizio canusciuto,


ca nun 'o ddice... ca rimmane muto...


e ca ve veste, primm' 'e v'atterrà.

 

E. De Filippo

1948















VIDEO








selezione poetica curata da
pasqualedigennaro











Technorati Profile
 
 
Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati
Favorites

 


Blog-Show la vetrina italiana dei blog!