.
Annunci online

bloggerperfecto
Il gallo senza le galline non può fare l’uomo
spettacoli
2 aprile 2008
Domani si invecchia
Domani si invecchia.
E quant’ero piccola ieri.
E quanti ieri dovrò contare prima di rivedermi lì: una panchina e due binari; una valigia enorme e niente di utile. Un vagone boomerang.
“Lasciare il paesello per la Capitale. Troppa strada si ha da fare. E com’è dura ritornare.”
Entrare di netto in una bugia, questo mi piaceva. Mentire sapendo di mentire, questo era solo un gioco.  Ma l’aria era fresca e saporita. E quella bugia è stata una casa accogliente.
“Lasciare il paesello per la Capitale. Troppa strada si ha da fare. E com’è dura ritornare.”
Pensare al ritorno prima ancora di essere partiti, fa pensare ad una fuga. Lesta ed incosciente. Ma non c’è tormento, perché chi fugge sa che cosa cerca..!
“Lasciare il paesello per la Capitale. Troppa strada si ha da fare. E com’è dura ritornare.”
Il finestrino si affaccia su ciò che lasci, una messa in scena di alberi e case, che se solo il binario scivolasse un po’ più lento, ci potresti intravedere qualche anima in quelle case e forse ti verrebbe voglia di non partire più.
“Lasciare il paesello per la Capitale. Troppa strada si ha da fare. E com’è dura ritornare.”
Ma io partivo: incredulità per quello che lasciavo e una valigia assortita.
Partivo.  Mentivo.  No, forse tacevo.
“Lasciare il paesello per la Capitale. Troppa strada si ha da fare. E com’è dura ritornare.”




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. domani si invecchia talentosprecato

permalink | inviato da bp il 2/4/2008 alle 18:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 607134 volte


perfectam
@
libero
.
it





 

Nun me tuccate Napule

faciteme ‘o favore,

e nun cuntate stroppole

dicenno ca è folklore!

 

Nun tormentate Napule

cu ll’aria e chi disprezza

chi campa dint’è vicule

e ‘a vita l’apprezza!

 

Nun affliggite Napule

cantanno litanie:

morte, miseria ‘e popolo

e ciento malatie!

....

Saccio ca pure all’Estero

ce stà gente ‘int’e vasce;

perciò cagnate musica!

Jettate ‘sti grancasce!

 

C’è stato maie nu popolo,

Città, nu Continente

addò se campa facile

e nun succede niente?

 

Certo ca no! E scrivetelo!

Facite nu Cungresso!

Parlate! Cunfessatelo

ca ‘o munno è tutto ‘o stesso!

 

Progresso Tecnologico?

È certo, ce fa onore:

s’industrializza l’anema..

se meccanizza ‘o core…!

 

Però Napule… è Napule!

E ‘o Sole che è l’amante

l’asciutta tutte ‘e llacreme!

Perciò nun more…

                          …E Canta!

G.C.











Bippì on TuTubbi









 



Philip Mazzei, mica bruscolini!






 

Penziere mieje, levàteve sti panne,


stracciàtev' 'a cammisa, e ascite annuro.


Si nun tenite n'abito sicuro,


tanta vestite che n'avit' 'a fa?


 

Menàteve spugliate mmiez' 'a via,


e si facite folla, cammenate.


Si sentite strillà, nun ve fermate:


nu penziero spugliato 'a folla fa.


 

Currite ncopp' 'a cimma 'e na muntagna,


e quanno 'e piede se sò cunzumate:


un'ànema e curaggio, e ve menate...


nzerrano ll'uocchie, primm' 'e ve menà!

 

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.


Ce sta sempe nu tizio canusciuto,


ca nun 'o ddice... ca rimmane muto...


e ca ve veste, primm' 'e v'atterrà.

 

E. De Filippo

1948















VIDEO








selezione poetica curata da
pasqualedigennaro











Technorati Profile
 
 
Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati
Favorites

 


Blog-Show la vetrina italiana dei blog!