Cangiano Marzia bloggerperfecto | il gallo senza le galline non può fare l'uomo | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

bloggerperfecto
Il gallo senza le galline non può fare l’uomo
POLITICA
15 gennaio 2008
Annuntio vobis


Il nuovo numero di LibMagazine è on line: graaaandi novità per salutare tutt’inzieme il nuovo anno.

1.

Un sito nuovo di zecca

2.

Imperdibili “esordi”: Nic-Pic alias Nicola Scardi & il miiitico Coon alias Micheal Mazzei

3.

A breve LM sarà disponibile anche in versione cartacea. Potrete acquistarlo da internèt comodamente seduti sul divano di casa vostra e vi arriverà direttamente a casa proprio mentre sedete comodamente sul divano di casa vostra.

4.

Apre LibMagazine schop: non lasciatevi scappare le mutande firmate dal direttore!



fotografia
28 settembre 2007
Capa fresca

Cape fresche, teste calde, teste d’uovo e, come l’uovo, sode; zucche sgombre, senza sale e all’occorrenza pelate, zucconi,…e andiamo avanti fino a capa tosta e cap’e cazz!  Se tutti coloro che rispondono almeno ad uno delle seguenti espressioni gioconde si aunissero.. ne verrebbe fuori un sito o un mondo a parte. Poco male, costoro, pur avendo la zucca un po’ compromessa, la tengono funzionante; al contrario di chi, pur avendocela intatta, la scopre vuota, ma di un vuoto che a parlarci fa l’ eco!  Un esemplare di mia conoscenza, appartenente alla prima specie, si dilettava di fotografia….e fotografava. E fotografa oggi, e fotografa domani, e fotografa dopodomani…ecco che ad un tratto, il Nostro, ebbe a stancarsi di questo diletto e così passò dalla semplice fotografia alla manipolazione della stessa. E manipola oggi, e manipola domani, e manipola dopodomani ecco che ne vengon fuori, a mio dire, piccoli capolavori.

Eccone un esempio e un link

 

Trattasi di esemplare unico di occhio di bp,

riveduto e corretto da mano amica. 

QUI :  è importante!

Facciamoci una camminata anche noi.

.............................................................

Ah… si putesse dicere
chell' c'o core dice
quant' sarria felice
si t' ‘o sapesse di'.

 

Ma ‘o core oggi nun dice niente ‘e bbuono.

E manco se sta zitto.

Ovvio che preferirei il silenzio a questo. La freddezza di un cuore che nulla sente e per nulla palpita; palpitazioni vane, invece. È l’affanno. Queste corse, queste rincorse, questa stanchezza, senza che il corpo accompagni il tutto. Ci si stanca e ci si addolora per tutto il tempo perso… e quanto me ne restituiranno?

arte
27 settembre 2007
Gioca tu che gioco anch'io!

¿

TORNANO I GIOCHI COOLTURALI CIOCA ANCHE TU


 
Eccoci qua:

partendo da Van Gogh, la stanza,  immaginiamo il rientro nella stessa di una donna.

Disperata lei, tanto che il dolore ne annulla i contorni… è la donna che si annulla in lui. Per questa disperazione non c’è nome, non c’è causa e sembra non esserci fine. Ecco allora, che neanche i colori più accesi riescono a ridar tono ai contorni. Resta un fantasma e nessuno scroscio di catene e resta un’ombra, unico indizio di esistenza.


QUI e QUI :  è importante!

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte


perfectam
@
libero
.
it





 

Nun me tuccate Napule

faciteme ‘o favore,

e nun cuntate stroppole

dicenno ca è folklore!

 

Nun tormentate Napule

cu ll’aria e chi disprezza

chi campa dint’è vicule

e ‘a vita l’apprezza!

 

Nun affliggite Napule

cantanno litanie:

morte, miseria ‘e popolo

e ciento malatie!

....

Saccio ca pure all’Estero

ce stà gente ‘int’e vasce;

perciò cagnate musica!

Jettate ‘sti grancasce!

 

C’è stato maie nu popolo,

Città, nu Continente

addò se campa facile

e nun succede niente?

 

Certo ca no! E scrivetelo!

Facite nu Cungresso!

Parlate! Cunfessatelo

ca ‘o munno è tutto ‘o stesso!

 

Progresso Tecnologico?

È certo, ce fa onore:

s’industrializza l’anema..

se meccanizza ‘o core…!

 

Però Napule… è Napule!

E ‘o Sole che è l’amante

l’asciutta tutte ‘e llacreme!

Perciò nun more…

                          …E Canta!

G.C.











Bippì on TuTubbi









 



Philip Mazzei, mica bruscolini!






 

Penziere mieje, levàteve sti panne,


stracciàtev' 'a cammisa, e ascite annuro.


Si nun tenite n'abito sicuro,


tanta vestite che n'avit' 'a fa?


 

Menàteve spugliate mmiez' 'a via,


e si facite folla, cammenate.


Si sentite strillà, nun ve fermate:


nu penziero spugliato 'a folla fa.


 

Currite ncopp' 'a cimma 'e na muntagna,


e quanno 'e piede se sò cunzumate:


un'ànema e curaggio, e ve menate...


nzerrano ll'uocchie, primm' 'e ve menà!

 

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.


Ce sta sempe nu tizio canusciuto,


ca nun 'o ddice... ca rimmane muto...


e ca ve veste, primm' 'e v'atterrà.

 

E. De Filippo

1948















VIDEO








selezione poetica curata da
pasqualedigennaro











Technorati Profile
 
 
Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati
Favorites

 


Blog-Show la vetrina italiana dei blog!