Cangiano Marzia bloggerperfecto | il gallo senza le galline non può fare l'uomo | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

bloggerperfecto
Il gallo senza le galline non può fare l’uomo
teatro
24 ottobre 2007
1968 P.P.P. - Il teatro - Ieri, e oggi?

 Orgia Pier Paolo Pasolini

Ieri... 

I personaggi sono un uomo e una donna: nel quinto e ultimo episodio, un uomo e una ragazza che l'uomo porta a casa sua e alla quale egli spiega:


 

Una volta c'era mia moglie,
e c'erano i miei bambini.
Questa primavera se ne sono andati…
e non sono tornati più…

Nel prologo Pasolini fa dire all'uomo:

Sono morto da poco. Il mio corpo
penzola a una corda, stranamente vestito.
Sono dunque appena risuonate qui le mie ultime parole, 
ossia: "C'è stato finalmente uno che ha fatto buon uso della 
[morte.

 

Inizia a questo punto un flash-back durante il quale l'uomo dapprima definisce se stesso

Ecco dunque: quest'uomo che vi parla appeso alla corda,
con l'osso del collo spezzato è già freddo,
è stato quello che si dice un uomo come tutti gli altri.
[…]
È stato, con tutti gli altri, dalla parte del potere
[…]
Sì, io sono stato veramente libero e indipendente
perché ho accettato senza alcuna riserva
che ci fosse il potere, mi ci sono adattato,
con tutto il conformismo necessario, e, da uomo
normale, ho cercato di viverne la mia parte.
Non grandi cose: sono stato soltanto un medio borghese.
[…]
Ecco, io sono stato in vita un uomo Diverso:
questa è la ragione per cui mi sono chiesto
come ho potuto vivere in pace, dalla parte dell'ordine.
È semplice: nascondendo a me stesso e agli altri
la mia Diversità.
Essa non è mai stata esaminata, capita, accettata, 
discussa, manipolata. […]

 


Vai da Egine

l'innocenza senza macchie

diari di viaggio
21 settembre 2007
Da " Ieressera" a " Ieri sera "

Ieri sera

Ieri sera sto boiaccia
m'appare de corpo
nero in faccia
s'assittò vicino ar letto
e cacciò un fazzoletto.

E mme dice: “ guarda qua
pe potesse fracicà
ar mare dovette da cascà ”!

C' aripensai la notte 'ntera
stavo fori come na ringhiera
pensai de stamme ad ammalà
che er cevello de vorta me stava a da.

Me sò arzato tutto sudato
capoccia mia capì famme!
da piedi ar letto me so ariassettato
nu gnela facevo ad addormentammo.

 

Così me sò fatto sta nottataccia
aspettanno er sole pe potè damme!

 

                      Imprecario

 


Concludendo:

In tucc bun da fa nigot
sti ruman napulitan
e quan ghe de lavurà
sugnen el sul, ma sun drugà.

                                                                                            Egine


Da Egine per me..e viceversa :)

SUL PDN


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. imprecario bp egine murolo gomorra pdn

permalink | inviato da bp il 21/9/2007 alle 10:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte


perfectam
@
libero
.
it





 

Nun me tuccate Napule

faciteme ‘o favore,

e nun cuntate stroppole

dicenno ca è folklore!

 

Nun tormentate Napule

cu ll’aria e chi disprezza

chi campa dint’è vicule

e ‘a vita l’apprezza!

 

Nun affliggite Napule

cantanno litanie:

morte, miseria ‘e popolo

e ciento malatie!

....

Saccio ca pure all’Estero

ce stà gente ‘int’e vasce;

perciò cagnate musica!

Jettate ‘sti grancasce!

 

C’è stato maie nu popolo,

Città, nu Continente

addò se campa facile

e nun succede niente?

 

Certo ca no! E scrivetelo!

Facite nu Cungresso!

Parlate! Cunfessatelo

ca ‘o munno è tutto ‘o stesso!

 

Progresso Tecnologico?

È certo, ce fa onore:

s’industrializza l’anema..

se meccanizza ‘o core…!

 

Però Napule… è Napule!

E ‘o Sole che è l’amante

l’asciutta tutte ‘e llacreme!

Perciò nun more…

                          …E Canta!

G.C.











Bippì on TuTubbi









 



Philip Mazzei, mica bruscolini!






 

Penziere mieje, levàteve sti panne,


stracciàtev' 'a cammisa, e ascite annuro.


Si nun tenite n'abito sicuro,


tanta vestite che n'avit' 'a fa?


 

Menàteve spugliate mmiez' 'a via,


e si facite folla, cammenate.


Si sentite strillà, nun ve fermate:


nu penziero spugliato 'a folla fa.


 

Currite ncopp' 'a cimma 'e na muntagna,


e quanno 'e piede se sò cunzumate:


un'ànema e curaggio, e ve menate...


nzerrano ll'uocchie, primm' 'e ve menà!

 

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.


Ce sta sempe nu tizio canusciuto,


ca nun 'o ddice... ca rimmane muto...


e ca ve veste, primm' 'e v'atterrà.

 

E. De Filippo

1948















VIDEO








selezione poetica curata da
pasqualedigennaro











Technorati Profile
 
 
Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati
Favorites

 


Blog-Show la vetrina italiana dei blog!