Cangiano Marzia bloggerperfecto | il gallo senza le galline non può fare l'uomo | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

bloggerperfecto
Il gallo senza le galline non può fare l’uomo
televisione
31 ottobre 2007
Ognuno ci metta un pò quello che vuole..

 

Nacque un dì e qui non perì

                                                                                  

Non me ne rammemoro..
 

   Ai voti !  



"To nature, with love"


 

          

L'Italia è una repubblica presocratica basata sul vapore



       

      

CULTURA
18 ottobre 2007
Poesia d'autore

I TRE MOMENTI


Primo momento, quello della pienezza, dell'avvolgimento

IL CALICE
Calice, che ristori
le raspose labbra
dei solitari
ed anneghi
nell'effimero
oblìo che al deserto
miraggio d'oasi
illumina.
Angelo, che dai colore
a stalagmiti amianto.
Amore
che il freddo
brucia.


Secondo momento, quello del vuoto, dell'abbandonato, del freddo

L'ADDIO
A voce bassa.
Le parole
respirale.

Lago
sotto diluvio
bruno
plenilunio di sonno,
intimo addio
di bianche scogliere

ed ora vuota
la stanza.



Terzo momento, quello in cui non ricordi più come si ama, e dubiti che ti sia accaduto realmente, ma le vite di chi ti circonda, in pochi e rari istanti, te ne parlano.... basta ascoltare.

LA NUVOLA
"Se solo voi sapeste
anime timorate
di quanto scintillano le stelle
quando non v'è luce alcuna
a turbarne il riposo"
Continuò.

"Se solo voi sapeste
del dondolìo dei prati
del pazzo brillìo
d' un rivolo di fonte,
dei pettirossi"
Tacque.

"Se solo voi sapeste
dell' immenso cielo che vi si cela
dei loquaci balbettii
che labbra non comandano,
dei muti silenzi"
Amava.

4 settembre 2003

letteratura
27 settembre 2007
'o Pirito
 Libera interpretazione di una “ vecchia gloria ”
di fratello Imprecario.

‘O Pirito

 

Me ne vaco speretianno a ogne pizzo

p’ò fieto che porto…me paro nù cozzo.

Scusateme si pozzo parè nu puorco

ma speretià fa sfugà ‘o cuorpo!

 

‘Nu pireto nun è niente, è evanescente

n’anema in pena, ‘na fiammella ‘e niente.

Ma quann ‘o cummencio ‘a caccià

è isso, mica je, che s’avota e se ne va.

 

Nun m’ammuscià si me ne vaco speretianno

è ‘a rraggia ‘e chisti tiempi che sto somatizzando.

‘A colpa nun è a mia…è d’o destino

..ch’ fa rima pur’ cu’ ‘ntestino.

 

‘O pirito  è suonno ‘e l’anema.

È chella parte ‘e te che nun vuò vedè.

 

E allora continuo ‘a speretià

perete, loffie e bombe ‘a mman,

mò chianu chianu, suspirate,

mò ‘a tempo ‘e musica, sparate!

 

Scorreggio, uè, che ce sta ‘e strano?

Scorreggio, embè, che ce sta ‘e male?

 

‘O pirito è comm’a ‘o core ‘e ‘nà poesia

che vò lassà segni ‘e ortografia

sulo ca ‘e vvote se ‘mbroglia

e scagna ‘a mutanna p’ò foglio.

 

Chello ca po’ me fa ‘ngrippà

è che me staje semp aret aret, ‘a m’addurà…

..è cu ‘a scusa ch’vuò fa' ‘o professionale

me faje pur l’analisi grammaticale!












Technorati Profile
diari di viaggio
20 settembre 2007
Ieressera
 

          Ieressera nu curnutiello,

niro ‘n faccia,

scurnusiello,

s’assettaie vicin’ ‘o lietto

e cacciaie nu fazzuletto.

 

Me dicette:: “ ‘O vì stu coso?

‘O ssaje pecchè sta tutto ‘nfuse?

E pecchè fernette a mare!

 

Ce pensaie tutt’a nuttata

me pareva ‘e stà ‘mbriaca.

Pensaje - Che sarrà? ‘Nà malatia..?

..O è nu scherzo d’à capa mia? -

 

Me susette all’intrasatto

capa mia…famme capì!

M’assettaie ‘a pede ‘o lietto

nun putevo cchiù durmì.

 

Accussì passaie ‘a nuttata:

aspettanno ‘o sole pe’ fuì! 


                                  Bp



             Help!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia fazzoletto mare sonno risveglio fuga help

permalink | inviato da bp il 20/9/2007 alle 14:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (25) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte


perfectam
@
libero
.
it





 

Nun me tuccate Napule

faciteme ‘o favore,

e nun cuntate stroppole

dicenno ca è folklore!

 

Nun tormentate Napule

cu ll’aria e chi disprezza

chi campa dint’è vicule

e ‘a vita l’apprezza!

 

Nun affliggite Napule

cantanno litanie:

morte, miseria ‘e popolo

e ciento malatie!

....

Saccio ca pure all’Estero

ce stà gente ‘int’e vasce;

perciò cagnate musica!

Jettate ‘sti grancasce!

 

C’è stato maie nu popolo,

Città, nu Continente

addò se campa facile

e nun succede niente?

 

Certo ca no! E scrivetelo!

Facite nu Cungresso!

Parlate! Cunfessatelo

ca ‘o munno è tutto ‘o stesso!

 

Progresso Tecnologico?

È certo, ce fa onore:

s’industrializza l’anema..

se meccanizza ‘o core…!

 

Però Napule… è Napule!

E ‘o Sole che è l’amante

l’asciutta tutte ‘e llacreme!

Perciò nun more…

                          …E Canta!

G.C.











Bippì on TuTubbi









 



Philip Mazzei, mica bruscolini!






 

Penziere mieje, levàteve sti panne,


stracciàtev' 'a cammisa, e ascite annuro.


Si nun tenite n'abito sicuro,


tanta vestite che n'avit' 'a fa?


 

Menàteve spugliate mmiez' 'a via,


e si facite folla, cammenate.


Si sentite strillà, nun ve fermate:


nu penziero spugliato 'a folla fa.


 

Currite ncopp' 'a cimma 'e na muntagna,


e quanno 'e piede se sò cunzumate:


un'ànema e curaggio, e ve menate...


nzerrano ll'uocchie, primm' 'e ve menà!

 

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.


Ce sta sempe nu tizio canusciuto,


ca nun 'o ddice... ca rimmane muto...


e ca ve veste, primm' 'e v'atterrà.

 

E. De Filippo

1948















VIDEO








selezione poetica curata da
pasqualedigennaro











Technorati Profile
 
 
Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati
Favorites

 


Blog-Show la vetrina italiana dei blog!