Cangiano Marzia bloggerperfecto | il gallo senza le galline non può fare l'uomo | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

bloggerperfecto
Il gallo senza le galline non può fare l’uomo
arte
31 ottobre 2007
Eduardo: 4.05.1900 - 31.10.1984
 

                                                                         S’è araputa ‘a fenesta

[…]

Trentuno Ottobre!

L’unnice d’ ‘a sera!

<< Chi è cchiù felice ‘e me? >>

Comm’ ‘a n’attrice

stà recitanno ‘a Luce d’ ‘a Speranza

mentre tu zitto zitto staie partenno.

Felice?

Forse si… ma nun è certo.

Chi sposa ll’ ARTE nun abbracci’a Morte…

Ma tu te sì scurdato ‘a porta aperta.

Smania stanotte Napule

e nun dorme.

‘Na voce s’alluntana e s’avvicina

rimbomba comm’a n’eco dint’ ‘e stanze

e po’ se va sperdenno dint’a ll’aria.

 

È ‘a voce ca sentette FILOMENA?

Ma no!!!

Dint’o silenzio ‘e ‘sta Città che chiagne,

che chiagne e dice

<< ‘E figlie so’ figlie…!>>

E nun ‘a siente?

E sièntela ‘sta voce

che s’affoca ‘int ‘e llacreme e te chiamma

pecchè tu, comm’a nuie, sì nnato a Napule…

E Napule t’aspetta!

Mò Napule te vo’!


                             Giuseppe Cangiano

 

 

stammatina

…..

Chi s’è assettata

ncopp’ ‘o parapetto

e cu nu pizzo a riso

m’ha guardato?

Anduvinate!

‘A Morte.

…..

Nun era cu ll’uocchie scafutate

cu tutt’ ‘e diente ‘a fora

e senza naso

…..

Era ‘na vicchiarella

accunciulella.

Me pareva ‘a nonna.

Sant’Anna era

gnorsì.

…..

M’è venuta a ffà visita e m’ha ditto:

-         Guagliunciè,

mò ce avimmo vedè spisso

accussì

………..

trasimmo…

 in simpatia

fino a quanno…

………….

te ne vieni cu mmico. -

-         E va bene –

aggio ditto.

-         Comme site simpatica!

V’aspetto. –

Eduardo

musica
20 ottobre 2007
A Giacomo Leopardi


Scherzo
Quando fanciullo io venni
A pormi con le Muse in disciplina
pormi con le Muse in disciplina
L'una di quelle mi pigliò per mano;
E poi tutto quel giorno
La mi condusse intorno
A veder l'officina.
Mostrommi a parte a parte
Gli strumenti dell'arte,
E i servigi diversi
A che ciascun di loro
S'adopra nel lavoro
Delle prose e de' versi.
Io mirava, e chiedea:
Musa, la lima ov'è? Disse la Dea:
La lima è consumata; or facciam senza.
Ed io, ma di rifarla
Non vi cal, soggiungea, quand'ella è stanca?
Rispose: hassi a rifar, ma il tempo manca.

L'una di quelle mi pigliò per mano;
E poi tutto quel giorno
La mi condusse intorno
A veder l'officina.
Mostrommi a parte a parte
Gli strumenti dell'arte,
E i servigi diversi
A che ciascun di loro
S'adopra nel lavoro
Delle prose e de' versi.
Io mirava, e chiedea:
Musa, la lima ov'è? Disse la Dea:
La lima è consumata; or facciam senza.
Ed io, ma di rifarla
Non vi cal, soggiungea, quand'ella è stanca?
Rispose:
hassi a rifar, ma il tempo manca.




arte
15 ottobre 2007
'o Mare
  
 


Fotoconcorrenza

Vi segnalo due concorsi fotografici.

 di Gians e Ugolino   di Cocci

Per maggiori informazioni : andate qui per le foto in fiore e qui per le foto bandite!

Fotopartecipate numerosi…

 


(Intanto: Teresenè, se leggi, buon compleastico.)

 



               
teatro
15 aprile 2007
Duorme Totò

Totò - 15 febbraio 1898 15 aprile 1967-

‘A cunzegna

'A sera quanno 'o sole se nne trase
e da 'a cunzegna a luna p' 'a nuttata,
lle dice dinto 'a recchia: "I' vaco 'a casa,t'arraccumanno tutt' 'e nnammurate".






…Ormai pè mme il trapasso è ‘na pazziella;

è un passaggio dal sonoro al muto.

E quanno s’è stutata ‘a lampetella

significa ca ll’opera è fernuta…

 

Dorme Totò

Dorme Totò ch’ ‘è l’ora d’a controra

tu nun si morto, te sì appapagnato…

e t’è piaciuto sempre, si nun sbaglio,

chella mez’ora quann’ ‘o sole abbaglia.

 

‘O suonno d’’a controra è ‘o meglio suonno

pè chi s’addorme cu ‘a coscienza a pposto.

L’he recitata bbona chesta parte!

Ma he chiuso ll’uocchie e t’he titata ‘a porta.

 

Sta porta è solamente nu sipario,

che sparte ‘o munno bbuono e ‘o malamente,

e ‘a terra mò, pè ttè, è nu palcuscenico

addò Nuie recitammo scene comiche.

 

Ma si aprive ll’uocchie chella sera

D’‘o diciassette Aprile ‘nmiez ‘o Carmeno

Avisse ditto: <<Mamma e che spettacolo!>>

Mmiscann’‘o chianto tuio c’‘o chianto ‘e Napule.

 

Napule, ‘o ssaie, nun è ‘na Malafemmena

che fa chiagnere ‘e llacreme cchiù amare,

ma è chella ca pè ddì:<<te voglio bene>>

t’ha salutato cu nu sbattimano.

 

Ogne sbattuta ‘e mano era na lacrema

d’ammore overo ‘e centomila core…

- e tu l’he ‘ntiso pure dint’‘o suonno

pecchè faie parte mò d’‘o meglio munno.-

 

Mò a tte te resta ‘o suonno che t’he fatto

nei panni del più grande Don Chisciotte.

 

Dorme Totò, continualo stu suonno,

stu suonno tuio ca nun fernesce maie!

‘Na vota tanto fa contento ‘o core…

Durmenno può ffà chello ca te pare.

 

Forse, chisà, nun l’hanno fatto apposta.

Ma certamente c’ha perduto ll’Arte

e ‘nzieme all’Arte Tu. Chell’allegria

pareva ‘a festa d’‘a malinconia

 

comm’a st’Aprile c’ha purtato o’sole

dopp’a vernata fredda e chiena ‘e guaie,

sole scagnato, povero ‘e calore…

S’è mascherata pure ‘a Primmavera!

 

Dorme Totò che è ll’ora d’‘a controra

tu nun si morto, te sì appapagnato

cu tutto ca stu sole non abbaglia,

però, stamme a sentì, ca j’nun me sbaglio:

 

si ‘a morte overamente è ‘na livella,

è ‘na livella sulo sotto terra,

ma dint’‘o core nò, dint’a stu pietto

ognuno tène ‘o posto che llè spetta.

 

Perciò tu rieste chilo ca sì stato,

‘ncimm’ a ‘e penziere ‘e chi te vò cchiù bene…

Chi fra mill’anne spia: Totò chi è?...

Napule lle risponne: è figlio a mme!

Giuseppe Cangiano


 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. totò poesie canzoni

permalink | inviato da il 15/4/2007 alle 12:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte


perfectam
@
libero
.
it





 

Nun me tuccate Napule

faciteme ‘o favore,

e nun cuntate stroppole

dicenno ca è folklore!

 

Nun tormentate Napule

cu ll’aria e chi disprezza

chi campa dint’è vicule

e ‘a vita l’apprezza!

 

Nun affliggite Napule

cantanno litanie:

morte, miseria ‘e popolo

e ciento malatie!

....

Saccio ca pure all’Estero

ce stà gente ‘int’e vasce;

perciò cagnate musica!

Jettate ‘sti grancasce!

 

C’è stato maie nu popolo,

Città, nu Continente

addò se campa facile

e nun succede niente?

 

Certo ca no! E scrivetelo!

Facite nu Cungresso!

Parlate! Cunfessatelo

ca ‘o munno è tutto ‘o stesso!

 

Progresso Tecnologico?

È certo, ce fa onore:

s’industrializza l’anema..

se meccanizza ‘o core…!

 

Però Napule… è Napule!

E ‘o Sole che è l’amante

l’asciutta tutte ‘e llacreme!

Perciò nun more…

                          …E Canta!

G.C.











Bippì on TuTubbi









 



Philip Mazzei, mica bruscolini!






 

Penziere mieje, levàteve sti panne,


stracciàtev' 'a cammisa, e ascite annuro.


Si nun tenite n'abito sicuro,


tanta vestite che n'avit' 'a fa?


 

Menàteve spugliate mmiez' 'a via,


e si facite folla, cammenate.


Si sentite strillà, nun ve fermate:


nu penziero spugliato 'a folla fa.


 

Currite ncopp' 'a cimma 'e na muntagna,


e quanno 'e piede se sò cunzumate:


un'ànema e curaggio, e ve menate...


nzerrano ll'uocchie, primm' 'e ve menà!

 

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.


Ce sta sempe nu tizio canusciuto,


ca nun 'o ddice... ca rimmane muto...


e ca ve veste, primm' 'e v'atterrà.

 

E. De Filippo

1948















VIDEO








selezione poetica curata da
pasqualedigennaro











Technorati Profile
 
 
Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati
Favorites

 


Blog-Show la vetrina italiana dei blog!