Cangiano Marzia bloggerperfecto | il gallo senza le galline non può fare l'uomo | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

bloggerperfecto
Il gallo senza le galline non può fare l’uomo
musica
12 novembre 2007
Rino Santamaria

 Siamo negli anno ’70. Rino, ancora lontano dall’ esordio, scalpita in una divisa da operaio. Scrivacchia canzoni, poesie ironicamente drammatiche, di difficile comprensione per la generazione adulta di quegli anni. “Ma che vor dì?” questa la domanda che sorge spontanea in chiunque ascolti una sua canzone.
Si esibisce per la prima volta in pubblico durante uno spettacolo di Venditti con la canzone “I love you Marianna” (che ho scoperto essere solo un gioco di parole dedicato alla marijuana e da lei ispirato). Da lì l’incontro con Vincenzo Micocci, e il suo debutto discografico. Ma una scelta gli s’impone: essere giullare o uomo impegnato. Gaetano non scelse mai, non credeva neanche ci fosse bisogno di scegliere, e andò avanti così, da giullare impregnato.. Poi i primi successi, la censura, durante uno spettacolo musicale in cui gli fu “sconsigliata” l’interpretazione di  “Nunt’aregghaepiù” che offendeva nomi troppo importanti, le tournee, e infine l’ invito a Sanremo, considerato all’epoca la mercificazione della canzone e della donna stupidina.  

Utile dirvi che l’interpretazione di Claudio Santamaria è straordinaria, fosse solo per il fatto che è la sua la voce cantante. Altro apprezzamento doveroso va al regista per come racconta il momento in cui l’artista è preso dall’ispirazione : “Nunt’aregghaepiù” ad esempio, è un reggae che nasce ascoltando il delirio di un folle di strada; “Ma il cielo è sempre più blu” prende vita in un pullman dall’ incontro con chi vive in  baracca, chi suda il salario, chi ama l'amore e i sogni di gloria, chi ruba pensioni, chi ha scarsa memoria…. Ovvio che in questi casi c’è del romanzo, ma è un romanzo che non dispiace affatto.

musica
11 novembre 2007
Questa la dedico a Barbamella
musica
10 novembre 2007
E' lui o non è lui? Cerrrrto che no



(c)link on the photo

CULTURA
18 ottobre 2007
Poesia d'autore

I TRE MOMENTI


Primo momento, quello della pienezza, dell'avvolgimento

IL CALICE
Calice, che ristori
le raspose labbra
dei solitari
ed anneghi
nell'effimero
oblìo che al deserto
miraggio d'oasi
illumina.
Angelo, che dai colore
a stalagmiti amianto.
Amore
che il freddo
brucia.


Secondo momento, quello del vuoto, dell'abbandonato, del freddo

L'ADDIO
A voce bassa.
Le parole
respirale.

Lago
sotto diluvio
bruno
plenilunio di sonno,
intimo addio
di bianche scogliere

ed ora vuota
la stanza.



Terzo momento, quello in cui non ricordi più come si ama, e dubiti che ti sia accaduto realmente, ma le vite di chi ti circonda, in pochi e rari istanti, te ne parlano.... basta ascoltare.

LA NUVOLA
"Se solo voi sapeste
anime timorate
di quanto scintillano le stelle
quando non v'è luce alcuna
a turbarne il riposo"
Continuò.

"Se solo voi sapeste
del dondolìo dei prati
del pazzo brillìo
d' un rivolo di fonte,
dei pettirossi"
Tacque.

"Se solo voi sapeste
dell' immenso cielo che vi si cela
dei loquaci balbettii
che labbra non comandano,
dei muti silenzi"
Amava.

4 settembre 2003

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte


perfectam
@
libero
.
it





 

Nun me tuccate Napule

faciteme ‘o favore,

e nun cuntate stroppole

dicenno ca è folklore!

 

Nun tormentate Napule

cu ll’aria e chi disprezza

chi campa dint’è vicule

e ‘a vita l’apprezza!

 

Nun affliggite Napule

cantanno litanie:

morte, miseria ‘e popolo

e ciento malatie!

....

Saccio ca pure all’Estero

ce stà gente ‘int’e vasce;

perciò cagnate musica!

Jettate ‘sti grancasce!

 

C’è stato maie nu popolo,

Città, nu Continente

addò se campa facile

e nun succede niente?

 

Certo ca no! E scrivetelo!

Facite nu Cungresso!

Parlate! Cunfessatelo

ca ‘o munno è tutto ‘o stesso!

 

Progresso Tecnologico?

È certo, ce fa onore:

s’industrializza l’anema..

se meccanizza ‘o core…!

 

Però Napule… è Napule!

E ‘o Sole che è l’amante

l’asciutta tutte ‘e llacreme!

Perciò nun more…

                          …E Canta!

G.C.











Bippì on TuTubbi









 



Philip Mazzei, mica bruscolini!






 

Penziere mieje, levàteve sti panne,


stracciàtev' 'a cammisa, e ascite annuro.


Si nun tenite n'abito sicuro,


tanta vestite che n'avit' 'a fa?


 

Menàteve spugliate mmiez' 'a via,


e si facite folla, cammenate.


Si sentite strillà, nun ve fermate:


nu penziero spugliato 'a folla fa.


 

Currite ncopp' 'a cimma 'e na muntagna,


e quanno 'e piede se sò cunzumate:


un'ànema e curaggio, e ve menate...


nzerrano ll'uocchie, primm' 'e ve menà!

 

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.


Ce sta sempe nu tizio canusciuto,


ca nun 'o ddice... ca rimmane muto...


e ca ve veste, primm' 'e v'atterrà.

 

E. De Filippo

1948















VIDEO








selezione poetica curata da
pasqualedigennaro











Technorati Profile
 
 
Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati
Favorites

 


Blog-Show la vetrina italiana dei blog!