Cangiano Marzia bloggerperfecto | il gallo senza le galline non può fare l'uomo | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

bloggerperfecto
Il gallo senza le galline non può fare l’uomo
POLITICA
25 ottobre 2007
bene o male...
 E' la preghiera - dirà solennemente Padre Pio - questa forza unita di tutte le anime buone, che muove il mondo, che rinnova le coscienze, che sostiene "La Casa", che conforta i sofferenti, che guarisce i malati, che santifica il lavoro, che eleva l'assistenza sanitaria, che dona forza morale e la cristiana rassegnazione alla umana sofferenza, che spande il sorriso e la benedizione di Dio su ogni languore e debolezza.

Dice il Corriere che non fu per miracolo che la carne si squarciò, ma che questa fu umanamente disciolta nell’acido. Poi, dice il Corriere, che non era devozione quella che legava le fedeli al santo Pio. Un altro Corriere dice, ancora, che non si consumarono contro il demonio le infernali e quotidiane lotte per il Bene, bensì contro una personalità umana e disturbata. Dunque, questo lo dico io, l’unico miracolo fu la beatificazione dell’uomo Pio.

3 notizie 3 bastano a demolire la santità di un uomo, quanto a demolirne l’umanità stessa.  Se le notizie dovessero essere vere, anche una sola vera notizia basterebbe, dovremmo iniziare a rivalutare il potere dell’uomo sull’uomo. Se Pio santo non è stato, e dunque miracoli non ne ha potuti fare, come ha potuto guarire..? O meglio Chi ha guarito? Basta la fede in qualcosa, in qualcuno, nella vita stessa, nel Dono, e la mente, potenza ‘e ddio, fa  e disfa, guarisce e uccide. Allora è la fede, questo sentimento sì impenetrabile, a fare miracoli? O è suggestione? E la suggestione può guarire un male FISICO?

 O.t. -> se dovesse passare el Kid: è qui che devi andare.

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte


perfectam
@
libero
.
it





 

Nun me tuccate Napule

faciteme ‘o favore,

e nun cuntate stroppole

dicenno ca è folklore!

 

Nun tormentate Napule

cu ll’aria e chi disprezza

chi campa dint’è vicule

e ‘a vita l’apprezza!

 

Nun affliggite Napule

cantanno litanie:

morte, miseria ‘e popolo

e ciento malatie!

....

Saccio ca pure all’Estero

ce stà gente ‘int’e vasce;

perciò cagnate musica!

Jettate ‘sti grancasce!

 

C’è stato maie nu popolo,

Città, nu Continente

addò se campa facile

e nun succede niente?

 

Certo ca no! E scrivetelo!

Facite nu Cungresso!

Parlate! Cunfessatelo

ca ‘o munno è tutto ‘o stesso!

 

Progresso Tecnologico?

È certo, ce fa onore:

s’industrializza l’anema..

se meccanizza ‘o core…!

 

Però Napule… è Napule!

E ‘o Sole che è l’amante

l’asciutta tutte ‘e llacreme!

Perciò nun more…

                          …E Canta!

G.C.











Bippì on TuTubbi









 



Philip Mazzei, mica bruscolini!






 

Penziere mieje, levàteve sti panne,


stracciàtev' 'a cammisa, e ascite annuro.


Si nun tenite n'abito sicuro,


tanta vestite che n'avit' 'a fa?


 

Menàteve spugliate mmiez' 'a via,


e si facite folla, cammenate.


Si sentite strillà, nun ve fermate:


nu penziero spugliato 'a folla fa.


 

Currite ncopp' 'a cimma 'e na muntagna,


e quanno 'e piede se sò cunzumate:


un'ànema e curaggio, e ve menate...


nzerrano ll'uocchie, primm' 'e ve menà!

 

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.


Ce sta sempe nu tizio canusciuto,


ca nun 'o ddice... ca rimmane muto...


e ca ve veste, primm' 'e v'atterrà.

 

E. De Filippo

1948















VIDEO








selezione poetica curata da
pasqualedigennaro











Technorati Profile
 
 
Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati
Favorites

 


Blog-Show la vetrina italiana dei blog!