.
Annunci online

bloggerperfecto
Il gallo senza le galline non può fare l’uomo
VIAGGI
7 febbraio 2007
Fiotti: di niente d'amore e di guerra

Le domande senza voce,
van per strade senza luce
oscurate dall’inutile,
dall’effimero,
dal futile…

"QUANDO, INVECE, IL CERVELLO È SÌ ISPIDO, POCO PUOI FAR CHE ADDENTRARTI IN ARROVELLAMENTI TOTALMENTETUOI ( Caspita! Che umore oggi, nero, nero ma non come la notte) : basta lasciar fluire il “dentro” verso “l’alto”, senza revisioni né filtri: “Ha un fine? Avrà una fine? E la causa del principio, qual è stata?”->Marzia, su questa pietra tu porrai un’altra pietra, (Caspita! Che luce oggi, incessante, incessante ma non come un fiume in piena ) torna all’ultimo giorno d’incoscienza e rimetti ogni cosa al suo posto. Poi il resto viene sempre da sé i tuoi "Aiuto" saranno ancora  salvati " !


Io sono il bambino con la faccia sporca
davanti al panorama di terrore imminente,
lebbra imminente,
pulci imminenti,
di offese e crimini imminenti:

Partimmo dal brodo primordiale per finire sotto un tappeto di infamia, lo stremo si faceva sentire, molto, troppo! L’apucundria ci aveva colti! Ci avremmo lasciato le penne su quel tabellone, ma se non spari per primo, sicuramente sarai il primo a morire. .( Spara Michele, spara frà breve prima che il vento abbandoni le vele, Piero ti ha visto in fondo alla valle.. sparagli adesso o ci lasci le penne.)..e se il tg non ci avverte, allora non soffriamo, non scriviamo niente, non ci pensiamo, ci dimentichiamo. Dunque solo il trak fa cio’ per cui e’ stato creato: la botta! Ovviamente il trak e’ agevolato, nel corso della sua esistenza, dal fatto che gia’conosce il fine per il quale e’ stato chiamato al mondo e di che morte morirà: Pecche' insomma si vuo' pace e nun sentere cchiu' niente 'e 'a spera' ca sulamente  ven' 'a morte a te piglia'? ( Chi non si fa domande, sa.  Chi chiede non saprà. )
Scalpita,
La rosa
Scalpita
D’amore palpita.
Felice di questo pensiero andai avanti con la mia vita fino a che, fu sempre di lui che mi innamorai. La prima volta. E anche l’ultima. Bastavano i suoi sogni a riempirmi la vita. Ed io con i miei pennelli, dipingevo la sua. È che, quando parliamo d'amore, parliamo d'amore e ne parliamo perchè tutto il resto non ci piace e quando neanche più l'amore ci piace, si va a ruota libera. Non esiste parola di conforto o pensiero di sollievo o alito di vita: esiste nero e rosso e sangue e viulenza e …..
CARIIICAAAAAA!  (
Perchè se mi devono spuntare le corna, a stù punt, facc’ ‘o tor!)!


                                          la polpa è rappresa,
                                           s’asoda l’impresa!

Lasciate al cuore i patimenti e al cervello i ragionamenti. Grazie

 




permalink | inviato da il 7/2/2007 alle 1:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (42) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte


perfectam
@
libero
.
it





 

Nun me tuccate Napule

faciteme ‘o favore,

e nun cuntate stroppole

dicenno ca è folklore!

 

Nun tormentate Napule

cu ll’aria e chi disprezza

chi campa dint’è vicule

e ‘a vita l’apprezza!

 

Nun affliggite Napule

cantanno litanie:

morte, miseria ‘e popolo

e ciento malatie!

....

Saccio ca pure all’Estero

ce stà gente ‘int’e vasce;

perciò cagnate musica!

Jettate ‘sti grancasce!

 

C’è stato maie nu popolo,

Città, nu Continente

addò se campa facile

e nun succede niente?

 

Certo ca no! E scrivetelo!

Facite nu Cungresso!

Parlate! Cunfessatelo

ca ‘o munno è tutto ‘o stesso!

 

Progresso Tecnologico?

È certo, ce fa onore:

s’industrializza l’anema..

se meccanizza ‘o core…!

 

Però Napule… è Napule!

E ‘o Sole che è l’amante

l’asciutta tutte ‘e llacreme!

Perciò nun more…

                          …E Canta!

G.C.











Bippì on TuTubbi









 



Philip Mazzei, mica bruscolini!






 

Penziere mieje, levàteve sti panne,


stracciàtev' 'a cammisa, e ascite annuro.


Si nun tenite n'abito sicuro,


tanta vestite che n'avit' 'a fa?


 

Menàteve spugliate mmiez' 'a via,


e si facite folla, cammenate.


Si sentite strillà, nun ve fermate:


nu penziero spugliato 'a folla fa.


 

Currite ncopp' 'a cimma 'e na muntagna,


e quanno 'e piede se sò cunzumate:


un'ànema e curaggio, e ve menate...


nzerrano ll'uocchie, primm' 'e ve menà!

 

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.


Ce sta sempe nu tizio canusciuto,


ca nun 'o ddice... ca rimmane muto...


e ca ve veste, primm' 'e v'atterrà.

 

E. De Filippo

1948















VIDEO








selezione poetica curata da
pasqualedigennaro











Technorati Profile
 
 
Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati
Favorites

 


Blog-Show la vetrina italiana dei blog!