Cangiano Marzia bloggerperfecto | il gallo senza le galline non può fare l'uomo | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

bloggerperfecto
Il gallo senza le galline non può fare l’uomo
letteratura
9 novembre 2007
CARLO MICHELSTAEDTER

 Lo dico spesso, il blog di bazar vale la penna di leggerlo, frequentarlo, chiacchierarci. Deve farsi, altrimenti certe cose potresti non scoprirle più. Sarebbe un peccato poi doversi aggirare per queste terre, monchi, privi, un po’ ignoranti se vogliamo. E allora andiamo… andiamo tutti da bazar!

I figli del mare

Ritornate alle case tranquille
alla pace del tetto sicuro,
che cercate un cammino più duro?
che volete dal perfido mare?
Passa la gioia, passa il dolore,
accettate la vostra sorte,
ogni cosa che vive muore
e nessuna cosa vince la morte.
Ritornate alla via consueta
e godete di ciò che v'è dato:
non v'è un fine, non v'è una meta
per chi è preda del passato.
Ritornate al noto giaciglio
alle dolci e care cose
ritornate alle mani amorose
allo sguardo che trema per voi
a coloro che il primo passo
vi mossero e il primo accento,
che vi diedero il nutrimento
che vi crebbe le membra e il cor.
Adattatevi, ritornate,
siate utili a chi vi ama
e spegnete l'infausta brama
che vi trae dal retto sentier.

CARLO MICHELSTAEDTER


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. carlo michelstaedter

permalink | inviato da bp il 9/11/2007 alle 14:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (19) | Versione per la stampa
arte
31 ottobre 2007
Eduardo: 4.05.1900 - 31.10.1984
 

                                                                         S’è araputa ‘a fenesta

[…]

Trentuno Ottobre!

L’unnice d’ ‘a sera!

<< Chi è cchiù felice ‘e me? >>

Comm’ ‘a n’attrice

stà recitanno ‘a Luce d’ ‘a Speranza

mentre tu zitto zitto staie partenno.

Felice?

Forse si… ma nun è certo.

Chi sposa ll’ ARTE nun abbracci’a Morte…

Ma tu te sì scurdato ‘a porta aperta.

Smania stanotte Napule

e nun dorme.

‘Na voce s’alluntana e s’avvicina

rimbomba comm’a n’eco dint’ ‘e stanze

e po’ se va sperdenno dint’a ll’aria.

 

È ‘a voce ca sentette FILOMENA?

Ma no!!!

Dint’o silenzio ‘e ‘sta Città che chiagne,

che chiagne e dice

<< ‘E figlie so’ figlie…!>>

E nun ‘a siente?

E sièntela ‘sta voce

che s’affoca ‘int ‘e llacreme e te chiamma

pecchè tu, comm’a nuie, sì nnato a Napule…

E Napule t’aspetta!

Mò Napule te vo’!


                             Giuseppe Cangiano

 

 

stammatina

…..

Chi s’è assettata

ncopp’ ‘o parapetto

e cu nu pizzo a riso

m’ha guardato?

Anduvinate!

‘A Morte.

…..

Nun era cu ll’uocchie scafutate

cu tutt’ ‘e diente ‘a fora

e senza naso

…..

Era ‘na vicchiarella

accunciulella.

Me pareva ‘a nonna.

Sant’Anna era

gnorsì.

…..

M’è venuta a ffà visita e m’ha ditto:

-         Guagliunciè,

mò ce avimmo vedè spisso

accussì

………..

trasimmo…

 in simpatia

fino a quanno…

………….

te ne vieni cu mmico. -

-         E va bene –

aggio ditto.

-         Comme site simpatica!

V’aspetto. –

Eduardo

musica
20 ottobre 2007
A Giacomo Leopardi


Scherzo
Quando fanciullo io venni
A pormi con le Muse in disciplina
pormi con le Muse in disciplina
L'una di quelle mi pigliò per mano;
E poi tutto quel giorno
La mi condusse intorno
A veder l'officina.
Mostrommi a parte a parte
Gli strumenti dell'arte,
E i servigi diversi
A che ciascun di loro
S'adopra nel lavoro
Delle prose e de' versi.
Io mirava, e chiedea:
Musa, la lima ov'è? Disse la Dea:
La lima è consumata; or facciam senza.
Ed io, ma di rifarla
Non vi cal, soggiungea, quand'ella è stanca?
Rispose: hassi a rifar, ma il tempo manca.

L'una di quelle mi pigliò per mano;
E poi tutto quel giorno
La mi condusse intorno
A veder l'officina.
Mostrommi a parte a parte
Gli strumenti dell'arte,
E i servigi diversi
A che ciascun di loro
S'adopra nel lavoro
Delle prose e de' versi.
Io mirava, e chiedea:
Musa, la lima ov'è? Disse la Dea:
La lima è consumata; or facciam senza.
Ed io, ma di rifarla
Non vi cal, soggiungea, quand'ella è stanca?
Rispose:
hassi a rifar, ma il tempo manca.




CULTURA
18 ottobre 2007
Poesia d'autore

I TRE MOMENTI


Primo momento, quello della pienezza, dell'avvolgimento

IL CALICE
Calice, che ristori
le raspose labbra
dei solitari
ed anneghi
nell'effimero
oblìo che al deserto
miraggio d'oasi
illumina.
Angelo, che dai colore
a stalagmiti amianto.
Amore
che il freddo
brucia.


Secondo momento, quello del vuoto, dell'abbandonato, del freddo

L'ADDIO
A voce bassa.
Le parole
respirale.

Lago
sotto diluvio
bruno
plenilunio di sonno,
intimo addio
di bianche scogliere

ed ora vuota
la stanza.



Terzo momento, quello in cui non ricordi più come si ama, e dubiti che ti sia accaduto realmente, ma le vite di chi ti circonda, in pochi e rari istanti, te ne parlano.... basta ascoltare.

LA NUVOLA
"Se solo voi sapeste
anime timorate
di quanto scintillano le stelle
quando non v'è luce alcuna
a turbarne il riposo"
Continuò.

"Se solo voi sapeste
del dondolìo dei prati
del pazzo brillìo
d' un rivolo di fonte,
dei pettirossi"
Tacque.

"Se solo voi sapeste
dell' immenso cielo che vi si cela
dei loquaci balbettii
che labbra non comandano,
dei muti silenzi"
Amava.

4 settembre 2003

diari di viaggio
21 settembre 2007
Da " Ieressera" a " Ieri sera "

Ieri sera

Ieri sera sto boiaccia
m'appare de corpo
nero in faccia
s'assittò vicino ar letto
e cacciò un fazzoletto.

E mme dice: “ guarda qua
pe potesse fracicà
ar mare dovette da cascà ”!

C' aripensai la notte 'ntera
stavo fori come na ringhiera
pensai de stamme ad ammalà
che er cevello de vorta me stava a da.

Me sò arzato tutto sudato
capoccia mia capì famme!
da piedi ar letto me so ariassettato
nu gnela facevo ad addormentammo.

 

Così me sò fatto sta nottataccia
aspettanno er sole pe potè damme!

 

                      Imprecario

 


Concludendo:

In tucc bun da fa nigot
sti ruman napulitan
e quan ghe de lavurà
sugnen el sul, ma sun drugà.

                                                                                            Egine


Da Egine per me..e viceversa :)

SUL PDN


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. imprecario bp egine murolo gomorra pdn

permalink | inviato da bp il 21/9/2007 alle 10:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa
LAVORO
6 luglio 2007
A Vulvia per una presta libertà

Sogni e Bisogni, mica truffaut!  Vulvia

Salvate la zita mia! Salvate la luce delle mie pupille assediate dalla cataratta della solitudine.

Questo l’appello di un uomo disperato che non chiede altro che la restituzione della zita sua, la quale da tempo è tenuta prigioniera da una banda di balordi allegrotti che la costringono a giochi, balli e risa forzati. Il Pdn, ovviamente non può chiudere gli occhi sulle avversità che hanno colpito questa zita e quest’uomo catarattico, quasi cieco ormai.

Chiunque voglia lanciare il suo appello, può farlo qui.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. appello libertà sogni vulvia bisogni

permalink | inviato da bp il 6/7/2007 alle 9:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (19) | Versione per la stampa
DIARI
27 giugno 2007
Gioca con Coon

Vai dal mitico Raccoon!

Tralasciando le più comuni paure: morte, malattia, peste e carestia, ho paura  anche solo di guardare una qualsiasi arma da fuoco, ho paura del fuoco,  del mare agitato, spesso, in periodi d’instabilità emotiva, ho paura dell’acqua alta…da piccola infatti credevo di essere morta annegata in qualche vita precedente. Mi spaventano le persone eccessivamente buone, e quelle eccessivamente cerimoniose. Mi spaventano le bugie inutili, mi spaventa l’egocentrismo e la vanità. Mi spaventano la pigrizia, l’astenia e l’apatia. Mi spaventano i numeri chè non sono opinabili. Temo la severità, della vita e delle persone. Temo il “così è”, tanto quanto il “così non è”. Ho paura di essere dimenticata… ci si dimentica di qualcuno anche solo per un nano secondo e la frittata è fatta, perché il dimenticato è perduto (almeno per quanto mi riguarda). Ho paura dei litigi, quelli veri.. quelli che si chiudono su una porta chiusa. Vado nel panico se mi sento sotto esame, e mi terrorizza il pensiero di veder soffrire il mio cane, perché so che non saprei fare per lui ciò che solo una mamma cane saprebbe. Ho avuto più paura di vivere che di morire.      




permalink | inviato da bp il 27/6/2007 alle 9:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (40) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte


perfectam
@
libero
.
it





 

Nun me tuccate Napule

faciteme ‘o favore,

e nun cuntate stroppole

dicenno ca è folklore!

 

Nun tormentate Napule

cu ll’aria e chi disprezza

chi campa dint’è vicule

e ‘a vita l’apprezza!

 

Nun affliggite Napule

cantanno litanie:

morte, miseria ‘e popolo

e ciento malatie!

....

Saccio ca pure all’Estero

ce stà gente ‘int’e vasce;

perciò cagnate musica!

Jettate ‘sti grancasce!

 

C’è stato maie nu popolo,

Città, nu Continente

addò se campa facile

e nun succede niente?

 

Certo ca no! E scrivetelo!

Facite nu Cungresso!

Parlate! Cunfessatelo

ca ‘o munno è tutto ‘o stesso!

 

Progresso Tecnologico?

È certo, ce fa onore:

s’industrializza l’anema..

se meccanizza ‘o core…!

 

Però Napule… è Napule!

E ‘o Sole che è l’amante

l’asciutta tutte ‘e llacreme!

Perciò nun more…

                          …E Canta!

G.C.











Bippì on TuTubbi









 



Philip Mazzei, mica bruscolini!






 

Penziere mieje, levàteve sti panne,


stracciàtev' 'a cammisa, e ascite annuro.


Si nun tenite n'abito sicuro,


tanta vestite che n'avit' 'a fa?


 

Menàteve spugliate mmiez' 'a via,


e si facite folla, cammenate.


Si sentite strillà, nun ve fermate:


nu penziero spugliato 'a folla fa.


 

Currite ncopp' 'a cimma 'e na muntagna,


e quanno 'e piede se sò cunzumate:


un'ànema e curaggio, e ve menate...


nzerrano ll'uocchie, primm' 'e ve menà!

 

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.


Ce sta sempe nu tizio canusciuto,


ca nun 'o ddice... ca rimmane muto...


e ca ve veste, primm' 'e v'atterrà.

 

E. De Filippo

1948















VIDEO








selezione poetica curata da
pasqualedigennaro











Technorati Profile
 
 
Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati
Favorites

 


Blog-Show la vetrina italiana dei blog!