.
Annunci online

bloggerperfecto
Il gallo senza le galline non può fare l’uomo
15 maggio 2007
Je che tappa che è schiarata!


Con un fil di voce oggi vi scrivo. Questa terza tappa è schiarata maluccio per me…manco mi fossi fatta la croce con la mano smerza o fossi scesa dal letto col piede sbagliato. Ma andiamo con ordine: questa volta sul tram c’eravamo tutti, ma proprio tutti! TeresenellaAlbetta sedevano subito dietro a me, alla mia sinistra. Il capo alla mia destra. Subito dietro l’instancabile Egine cercava di tener buono l’implacabile Di Gennaro seeempre preoccupato per la manutenzione. Dietro di loro Rissa e Cuncetta, disquisivano amabilmente circa il più ed il meno. Sulla sinistra il Munaciello si girava, fiero, i pollici, con un ghigno poco raccomandabile, Marcòz con tanto di fotocopiatrice e cartuscelle al seguito e Ugolìn, ritto, in piedi, che si guardava intorno con aria circospetta e gagliarda.

Sosta a porta Capuana dove il Munaciè ci delizia col suo pranzetto tutto made in “dietro le mura”. Du chiacchiere, un fresco vinello, un caffè, un par de sigarette e via…Riprendiamo la marcia.

Lenta è la circolazione, afosa è l’aria. Il sole cocente mi preme sul viso, inizio a sudare, sempre di più. Strani grugniti destabilizzano il mio stomaco. La saliva si fa amara e la deglutizione un po’ arranchia. Invoco una sosta d’emergenza. Mi aggrappo con lo sguardo allo specchietto retrovisore, in cerca di uno sguardo amico a cui chiedere soccorso. Sgomenta, apprendo che alle mie spalle è stata imbastita una mini partita di calcetto, con un Piritillo di Nettuno avanzato che la fa da pallone! “ Porc*** ma che minch**, e che caz**, e che porc*********** ” cogito tra me  e me. Mi riaggrappo allo specchietto e colgo un occhio, è di Concetta. Dapprima ci guardiamo mute…ma alla prima lacrima di sudore, Concetta balza sui due piedi e accorre coinvolgendo con un unico gesto della mano anche Tereresenella, Albetta e Rissa, che, non potendo fare altro, avevano improvvisato dei tifosissimi cori da stadio.  Appena le mani di Concetta afferrano il volante mollo la presa e con guizzo felino balzo sulla porta alla mia destra per depositare il malamente. Quello che ho potuto cacciare!!!! Il tram ha lasciato dietro di se, per circa 1Km, il mio depositato. Alla vista del tram condotto da mani non incaricate, Pasquale dimentica il gioco e prende in mano le redini della faccenda, del tram insomma. Accorrono anche gli altri che, accortisi dell’accaduto, insistono per scaricarmi al pronto soccorso, preoccupati, a loro dire, perché qualcuno aveva intravisto nel depositato un luccichio senza giusta causa. Mi avvicino al luccichio e scorgo, tra tanto altro, il proiettile che era servito a quel criminale di Tonino per accoppare il persico.

L’anima non ce l’ho più, perché l’ho depositata. Ma la cazzimma si. È qui, viva e vegeta:
chi è causa del mio mal, pianga se stesso!
                                                                           Zàm Zàm Zà




permalink | inviato da il 15/5/2007 alle 14:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (33) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte


perfectam
@
libero
.
it





 

Nun me tuccate Napule

faciteme ‘o favore,

e nun cuntate stroppole

dicenno ca è folklore!

 

Nun tormentate Napule

cu ll’aria e chi disprezza

chi campa dint’è vicule

e ‘a vita l’apprezza!

 

Nun affliggite Napule

cantanno litanie:

morte, miseria ‘e popolo

e ciento malatie!

....

Saccio ca pure all’Estero

ce stà gente ‘int’e vasce;

perciò cagnate musica!

Jettate ‘sti grancasce!

 

C’è stato maie nu popolo,

Città, nu Continente

addò se campa facile

e nun succede niente?

 

Certo ca no! E scrivetelo!

Facite nu Cungresso!

Parlate! Cunfessatelo

ca ‘o munno è tutto ‘o stesso!

 

Progresso Tecnologico?

È certo, ce fa onore:

s’industrializza l’anema..

se meccanizza ‘o core…!

 

Però Napule… è Napule!

E ‘o Sole che è l’amante

l’asciutta tutte ‘e llacreme!

Perciò nun more…

                          …E Canta!

G.C.











Bippì on TuTubbi









 



Philip Mazzei, mica bruscolini!






 

Penziere mieje, levàteve sti panne,


stracciàtev' 'a cammisa, e ascite annuro.


Si nun tenite n'abito sicuro,


tanta vestite che n'avit' 'a fa?


 

Menàteve spugliate mmiez' 'a via,


e si facite folla, cammenate.


Si sentite strillà, nun ve fermate:


nu penziero spugliato 'a folla fa.


 

Currite ncopp' 'a cimma 'e na muntagna,


e quanno 'e piede se sò cunzumate:


un'ànema e curaggio, e ve menate...


nzerrano ll'uocchie, primm' 'e ve menà!

 

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.


Ce sta sempe nu tizio canusciuto,


ca nun 'o ddice... ca rimmane muto...


e ca ve veste, primm' 'e v'atterrà.

 

E. De Filippo

1948















VIDEO








selezione poetica curata da
pasqualedigennaro











Technorati Profile
 
 
Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati
Favorites

 


Blog-Show la vetrina italiana dei blog!