.
Annunci online

bloggerperfecto
Il gallo senza le galline non può fare l’uomo
televisione
18 settembre 2007
Se tifi napoli ce poi rimanè: 3° pt
 

 

  Ore 23.35 inizia “Un giorno in pretura”.

Napoli, processo a Giovanni Moliterno detto ‘o Cinese.

Inizia il teatrino degli imputati, familiari dell' imputato, familiari della vittima. Impossibile stabilire alcunché di certo. È tutto un mentire, un negare, programmatico ma poco studiato “ presidè, je nun saccio niente ! ”…“ nun m’o ricord…so passat dduje ann….che me vulit fa arricurdà mo? ”…presidè, je so vecchio, sto in dialisi e pens sul ‘a stà bbuon…”…“ presidè, je nun saccio niente e nun conosco e nisciuno…mi avvalgo della facoltà di non rispondere” dichiara il fratello della vittima “ma lei non è imputato…è solo un teste” precisa l’avvocato “ nun saccio ninete ‘o stesso…so dduje ann’ che sto in isolamento..e ‘a capa mia nun sta tanto bbuon!”. È difficile porre qualunque tipo di domanda a chicchessia, la prima risposta è sempre “ comm? ” (cioè, come?, fingendo di non aver capito la domanda). Si dannano l’avvocato e ‘o presidè, si sbracciano, alzano la voce, ‘o presidè inizia ad interrogare in napoletano, ma niente l’esito è sempre lo stesso: Comm? Dall’omicidio Albino si passa a parlare dell’uccisione di un certo Americano, cognato dell’imputato e unico testimone dell’omicidio pronto a dire il vero. Ma l’Americano, appunto non c’è più e non può dire proprio più niente. Ma c’è un ragazzo al posto suo che spiega che alcuni giorni prima di morire l’ Americano gli aveva confessato di essersi inventato tutto, che non era vero niente, che forse voleva solo fare uno sgarro al cognato. E si spegne l’unica voce verosimile. Sull’ Americano viene interrogato anche un altro fratello della vittima che al momento dell’omicidio si trovava agli arresti domiciliari per una rapina avvenuta a Firenze: “conosceva l’ Americano lei?”  si, una volta ci siamo sparati ” (è tutto dire). E si va avanti così, per un’ora e mezza. Tutti negano tutto. Nessuno conosce nessuno. Nessuno conosce l’imputato…solo i familiari dichiarano di conoscerlo. Nessuno conosce la vittima, di vista si…ma solo di vista. Ai familiari della vittima viene chiesto “ lei sapeva che Salvatore rubava motorini? ” “ si ” rispondono il padre ed un fratello… “ no, non sapevamo niente ” rispondono la madre e il fratello in isolamento. Alla madre: “ ma dopo l’omicidio, non vi hanno detto perché era stato ucciso Salvatore? ” “ no, e che me lo dicevano a fare…ormai…! Io so solo che non lo tengo più ‘o figlio mio!  ”.

È tutto inutile…tutto profondamente inutile.

Quest’inutilità riposa, ma non giace, nelle parole dello stesso Salvatore : “ voglio morire come un vero criminale, sparato a terra a un marciapiede. ” 



ovviamente anche qui!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. napoli processo un giorno in pretura giugliano

permalink | inviato da bp il 18/9/2007 alle 18:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte


perfectam
@
libero
.
it





 

Nun me tuccate Napule

faciteme ‘o favore,

e nun cuntate stroppole

dicenno ca è folklore!

 

Nun tormentate Napule

cu ll’aria e chi disprezza

chi campa dint’è vicule

e ‘a vita l’apprezza!

 

Nun affliggite Napule

cantanno litanie:

morte, miseria ‘e popolo

e ciento malatie!

....

Saccio ca pure all’Estero

ce stà gente ‘int’e vasce;

perciò cagnate musica!

Jettate ‘sti grancasce!

 

C’è stato maie nu popolo,

Città, nu Continente

addò se campa facile

e nun succede niente?

 

Certo ca no! E scrivetelo!

Facite nu Cungresso!

Parlate! Cunfessatelo

ca ‘o munno è tutto ‘o stesso!

 

Progresso Tecnologico?

È certo, ce fa onore:

s’industrializza l’anema..

se meccanizza ‘o core…!

 

Però Napule… è Napule!

E ‘o Sole che è l’amante

l’asciutta tutte ‘e llacreme!

Perciò nun more…

                          …E Canta!

G.C.











Bippì on TuTubbi









 



Philip Mazzei, mica bruscolini!






 

Penziere mieje, levàteve sti panne,


stracciàtev' 'a cammisa, e ascite annuro.


Si nun tenite n'abito sicuro,


tanta vestite che n'avit' 'a fa?


 

Menàteve spugliate mmiez' 'a via,


e si facite folla, cammenate.


Si sentite strillà, nun ve fermate:


nu penziero spugliato 'a folla fa.


 

Currite ncopp' 'a cimma 'e na muntagna,


e quanno 'e piede se sò cunzumate:


un'ànema e curaggio, e ve menate...


nzerrano ll'uocchie, primm' 'e ve menà!

 

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.


Ce sta sempe nu tizio canusciuto,


ca nun 'o ddice... ca rimmane muto...


e ca ve veste, primm' 'e v'atterrà.

 

E. De Filippo

1948















VIDEO








selezione poetica curata da
pasqualedigennaro











Technorati Profile
 
 
Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati Favorites
 Add to Technorati
Favorites

 


Blog-Show la vetrina italiana dei blog!