Blog: http://bloggerperfecto.ilcannocchiale.it

NUN ME TUCCATE NAPULE



Nun me tuccate Napule

Faciteme ‘o favore,

e nun cuntate stroppole

dicenno ca è folklore!


Nun tormentate Napule

Cu ll’aria e chi disprezza

Chi campa dint’è vicule

E ‘a vita l’apprezza!


Nun affliggite Napule

Cantanno litanie:

morte, miseria ‘e popolo

e ciento malatie!


Nun criticate Napule

Pe’ vvia d’è panne spase

Comm’è addu vuie nun làvano?

Che vvè mettite ‘nfuse?


Nun disprezzate Napule

Si ‘o mare s’è inquinato:

né cozzeche, né vongole

ce l’hanno avvelenato!


Ogne rifiuto ‘e fabbrica,

ca s’è industrializzata,

‘a mmare mò se scarreca

E ‘a colpa ‘a danno all’ate.


Ce sta chi ha fatto ‘a critica

Pè ‘ffino d’ ’a Canzone

Dicenno:<<nun è artistica!

È stata nu bidone!


Tutt’è canzone ‘e Napule

So’ appena canzonette

Gente comm’a Di Giacomo

Screveva barzellette!...>>


Se scrive male ‘e Napule

Pè ffà denare e basta…

Però so troppe ll’uommene

Fatte cu chesta pasta.


Saccio ca pure all’Estero

Ce stà gente ‘int’e vasce;

perciò cagnate musica!

Jettate ‘sti grancasce!


C’è stato maie nu popolo,

Città, nu Continente

Addò se campa facile

E nun succede niente?


Certo ca no! E scrivetelo!

Facite nu Cungresso!

Parlete! Cunfessatelo

Ca ‘o munno è tutto ‘o stesso!


Progresso Tecnologico?

È certo, ce fa onore:

s’industrializza l’anema..

se meccanizza ‘o core…!


Però Napule… è Napule!

E ‘o Sole che è l’amante

L’asciutta tutte ‘e llacreme!

Perciò nun more…

                         …E Canta!

 

-1982- GiuseppeCangiano (NonnoPoeta)

 

Pubblicato il 8/1/2007 alle 14.9 nella rubrica NonnoPoeta.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web