Blog: http://bloggerperfecto.ilcannocchiale.it

Lettere amirose

 

Salvatore di Giacomo
LETTERA AMIROSA
(1924)
* * *
Ve voglio fa’ na lettera a ll’ ingrese,
chiena ‘e tèrmene scìvete e cianciuse,
e ll’ aggia cumbinà tanto azzeccosa
ca s’ ha d’ azzeccà mmano pe nu mese.
Dinto ce voglio mettere tre ccose,
nu suspiro, na lacrema e na rosa,
e attuorno attuorno a ll’ ammillocca nchiusa
ce voglio da’ na sissantina ‘e vase.
Tanto c’ avita dì: Che bella cosa!
Stu nnammurato mio quanto è priciso!
Mentr’ io mme firmo cu gnostia odirosa:
Il vosto schiavotiello: Antonio Riso.






 

Giuseppe Cangiano  

LETTERA QUASE
AMIROSA

(1982)
* * *
Si mo putesse scrivere
‘na lettera amirosa,
Di Giacomo, crediteme,
dicesse ‘n’ata cosa.
Chesta nun è cchiù
ll’epuca
d’ ‘e llettere all’ingrese:
ll’ammore ‘e mo è cchiù
pratico
ma è troppo vummecuso.
Mettènno ‘e parte
ll’anema,
can nun ci azzecca cchiù,
sicuro, avess’ ‘a scrivere
cchiù o meno, su per giù:

<< Te voglio fa’ ‘na lettera sfeziosa
chiena ‘e termene ‘nzìpete e sfrangiuse,
e ‘a voglio cumbinà accussì spassosa
che, quanno ‘a legge, he a dì: - comm’è zucosa! –
Dinto ce voglio mettere tre ccose:
‘na fialetta, ‘na pillola e nu vaso
ch’ha da arrivà addu te accussì azzeccuso
che t’he allecca’ stu musso pe’ nu mese. 
Po’ pe’ sigillo ‘ncopp’ ‘a busta ‘nchiusa
ce voglio schiattà ‘o russo ‘e na cerasa
tanto ch’aviss’ ‘a di’: - Che bella cosa!
Chistu Boy Frendo mio quant’è fucuso! –
Per cui mi firmo… ‘Ntonio, ‘o chiappo ‘e ‘mpiso,
p’avè pur’ io nu surzo ‘e
Paraviso >>.

 


Niente traduzione questa volta, nessun'aiutino…
…in tanti mesi cocche ’ccosa v’avissn avut’ ‘mparà! J
Anzi, a voi la traduzione (astenersi perditempo e parte-nopei)!!

Pubblicato il 31/5/2007 alle 18.22 nella rubrica NonnoPoeta.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web