Blog: http://bloggerperfecto.ilcannocchiale.it

PDN: quinta tappa.

Parte la quinta tappa.

Noi non siamo consapevoli alfieri del gesto INUTILE, l’unico possibile.

Il tram si muove lesto tra entusiasmi di partito e di serie A, tra lustri passati e immondezze vicine, tra ricordi e fatti, tra parole d’ammore e sospiri di guerra. Tuona di passione il pdn tutto, tuona di speranza, di voglia di far risorgere una città dalle macerie di parole insulse sotto cui è stata seppellita. E geme, la città. Chiede al sole rosso e al mandolino se c’è spazio ancora nella storia…che non sia storia di cronaca, che non sia storia di cronaca nera, che non sia storia di maccheroni e caffè, di tarantelle e “ ’o sole mio ”. Chiede aria pulita e sguardi meno severi. Chiede aiuto a chi chiede solo il sacrificio di questo popolo: “ Napoli andrebbe cancellata dall’atlante…ma forse ci penserà il Vesuvio”.. queste parole, succo di un vecchio commento, ci condannano al collasso, a singhiozzi muti eppur uditi e ignorati. E allora gridiamo, gridiamo più forte, finchè il peggior sordo non avrà orecchie per intendere…e intenderà!


Comm'è triste e comm'è amar’
stà assettato e guardà'
tutt'e ccose e tutt'è parole ca niente pònno fa'
si m'accido aggio iettato chellu ppoco 'e libertà
ca sta' terra e ‘sta gente 'nu juorno m'adda da'.
Terra mia terra mia
comm'è bello a la penzà'
Terra mia terra mia
comm'è bello a la guardà .
Nun è overo nun è sempe 'o stesso
tutt'e juornë po' cagnà'
ogge è deritto, dimane è stuorto
e chesta vita se ne và,
'e vecchie vanno dint’ a chiesa
cu' a curona pe' prià'
e 'a paura 'e chesta morte
ca nun ce vo' lassà'.
Terra mia terra mia
tu si' chiena 'e libbertà
Terra mia terra mia
je mò sento 'a libbertà.
Pino Daniele

....A Napoli non cala la notte.

E c’è già chi ci sente… e chi ci da' da mangiare...

Pubblicato il 12/6/2007 alle 15.18 nella rubrica PDN.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web